Dalla padella… alla brace!

pubblicato in: NEWS | 0

Volontari del Gattile – 19 Giugno 2012

Questa crisi economica che dura ormai da parecchi anni sta creando notevoli disagi pratici ed economici a noi volontari dell’Associazione Protezione Animali Carpigiana onlus che in convenzione gestiamo il gattile e le colonie feline del Distretto Terre d’Argine (Carpi, Campogalliano, Novi e Soliera).

Problemi pratici perché sono aumentati gli abbandoni e/o i conferimenti di gatti adulti che, poi, non trovano adozione; ed economici perché sono calate le offerte che finora, bene o male, ci hanno aiutato ad integrare in parte la quota versata dai comuni per la convenzione.

gatto-triste

Dopo di chè, sempre a causa della crisi, i comuni delle Terre d’Argine hanno ridotto la quota annuale per la convenzione e questo ci ha ulteriormente messo in difficoltà nei pagamenti ai fornitori di alimenti, medicinali, visite veterinarie, acqua, luce, gas, etc. etc. E fai pure banchetti e lotterie per raccolta fondi ma il conto da pagare è sempre di molto superiore alle entrate. Poi la quota ce l’hanno aumentata a com’era prima ma nel frattempo è arrivato il terremoto, accidenti a lui, e hanno cominciato ad arrivare in gattile molti animali di proprietari che hanno la casa inagibile se non addirittura crollata ed allora ci siamo dati da fare, abbiamo acquistato gabbie e attrezzature varie perché li dovrai pur mettere da qualche parte questi mici, perché i gatti in tenda non li puoi tenere, al cane puoi mettere un guinzaglio, il gatto se è abituato in appartamento al primo movimento sbagliato scappa impaurito e non lo trovi più…

E poi è arrivata la solidarietà della gente, tanta gente e tanta solidarietà e il nostro cuore si è gonfiato di riconoscenza nel vedere che, nonostante il brutto momento, molti si sono preoccupati degli umani che avevano animali da mettere in “sicurezza”.

gatti-mangiano

E poi è arrivata questa altra botta: il Comune di Carpi non ci da un euro e noi che già eravamo con l’acqua alla gola ormai stiamo affogando. Pubblichiamo un estratto del comunicato emesso dal Comune di Carpi, la versione integrale si trova sul sito www.carpidiem.it:

Emergenza terremoto: aggiornamento del 15 giugno, ore 13.00

gatto-salvato-terremoto

Estratto del comunicato stampa n. 34 del 15 Giugno

“CONTRIBUTI PER IL GATTILE

In questi giorni critici di emergenza terremoto le difficoltà riguardano tutti, persone ed animali; a proposito di questi ultimi si riporta una segnalazione che riguarda i gatti del distretto. Non essendo possibile garantire all’A.P.A.C. onlus – Associazione Protezione Animali Carpigiana – il conferimento dei fondi previsti per la gestione ordinaria e straordinaria del gattile del distretto carpigiano (Carpi, Campogalliano, Novi e Soliera), si invitano tutti coloro che hanno a cuore i diritti dei gatti a non limitarsi ad offrire scatolette di alimenti e sacchetti di sabbia, ma a garantire un’adeguata assistenza agli amici felini ospitati dalla struttura offrendo contributi in denaro: come? Versando direttamente sul conto dell’associazione col seguente codice IBAN: IT 13 E 02008 23307 000028474292 c/o Unicredit Banca, Agenzia Carpi di Piazza Martiri 3, intestato ad A.P.A.C. – Associazione Protezione Animali Carpigiana (le donazioni sono deducibili).

Si segnala inoltre la possibilità di donare all’Associazione il 5×1000 della dichiarazione dei redditi, utilizzando il seguente numero di codice fiscale: 90004760360.

Per ogni altra informazione è possibile consultare il sito www.gattiledicarpi.it”.

ritratto-gatto

Ci contavamo sui quei soldi, saremmo riusciti a pagare almeno 35/40.000 euro di forniture e adesso invece…

E’ vero, parlare di soldi è una questione delicata ma se adesso, grazie alle donazioni materiali riusciamo a garantire una alimentazione adeguata a tutti gli ospiti del gattile, i 360 stanziali più gli “sfollati” (a ieri ne sono transitati 105), non riusciamo però a pagare le spese per l’acquisto delle gabbie e le medicine perché se un gatto ha il raffreddore è come all’asilo, lo prendono anche gli altri e le visite del veterinario perché questi poveri mici, tranquilli prima nei loro appartamenti si sono visti agguantare da uno sconosciuto con i guantoni e poi messi in una gabbia vicino ad altre gabbie con altri gatti in un posto sconosciuto e senza il loro amico umano e hanno cominciato a miagolare a non mangiare… e poi questo caldo e poi… e poi speriamo che sia finita qui.

gatto-accaldato

E poi naturalmente sono saltate tutte le occasioni (feste, sagre, ecc…) nelle quali potevamo fare un banchetto per la raccolta fondi e siamo qui a sperare nel buon cuore dei fornitori, che però a loro volta devono pagare la merce…

eventi-gattile

Nel ringraziare di cuore chiunque ci ha aiutato ed ha aiutato questi animali, rinnoviamo l’invito a visitare il gattile, venite a vedere come siamo messi, come lavoriamo, come stanno i nostri ospiti e poi capirete perché chiediamo un aiuto economico.

Grazie ancora a tutti.

I volontari del gattile di Carpi

Associazione Protezione Animali Carpigiana onlus

Segui Marco:

Ultimi post da

Lascia una risposta