E’ record di abbandoni. Mai tanti come nel 2019.

pubblicato in: NEWS | 0

 

Il 2019 si sta rivelando l’annus horribilis per il nostro Gattile: siamo alle prese con un numero di abbandoni senza precedenti. Nonostante anni di lavoro incessante di sensibilizzazione sui temi del contrasto al randagismo felino, delle sterilizzazioni e delle adozioni consapevoli su tutto il territorio in cui operiamo, quest’anno porta con sé un triste record di abbandoni.

I numeri dei primi otto mesi del 2019 sono impressionanti: al 31/08/2019 sono entrati in gattile 341 gatti, il 32% in più rispetto ai 258 dello stesso periodo del 2018.

Il dettaglio dei dati evidenzia come la cultura del contrasto al randagismo felino sia ancora ben lungi dall’essere affermata nelle nostre campagne, dove al contrario si stanno manifestando comportamenti che fino a poco tempo fa si pensavano ancora diffusi solo nelle zone più arretrate del nostro Sud Italia.

I dati parlano chiaro: il Gattile ha già accolto quest’anno 21 mamme gatte (gravide o abbandonate con i cuccioli appena nati) con i loro 79 gattini, 27 cuccioli senza mamma da allattare al biberon, 78 cuccioli di età compresa fra i 2 e i 5 mesi, e quindi già svezzati. In totale sono 184 cuccioli con 21 mamme. A questi vanno sommati gli abbandoni di gatti adulti, 84 in totale, e le rinunce di gatti di proprietà, che nei primi 8 mesi del 2019 hanno raggiunto la cifra record di 30, quasi uno alla settimana.

Si tratta di cifre esorbitanti per la nostra struttura, che sta letteralmente scoppiando. Le norme di tutela igienico sanitaria prevedono la quarantena in isolamento per tutti gli animali che entrano in Gattile, e un numero così elevato di ingressi sta mettendo in seria crisi la nostra capacità di ricezione degli animali in difficoltà. I cuccioli da allattare e quelli in condizioni più precarie sono accuditi a casa dei volontari, e nonostante questo lo spazio manca.

Ai problemi di spazio si sommano i non meno importanti problemi economici. A.P.A.C. si trovava già in grave difficoltà economica per il crollo delle donazioni che si è verificato fra il 2018 e il 2019. La diffusione della falsa notizia secondo cui proprio A.P.A.C. sarebbe stata destinataria di una donazione di 360.000 euro aveva già provocato una drastica riduzione delle erogazioni liberali raccolte: molti nostri abituali sostenitori avevano infatti pensato che l’associazione, grazie a tale ingente donazione, non avesse più necessità di ulteriore sostegno.

Il nuovo picco di abbandoni di animali, molto spesso in precarie condizioni di salute, fa lievitare di giorno in giorno le spese veterinarie, cui vanno sommate le spese per farmaci, latte in polvere per gattini, e cibo specifico per cuccioli e mamme in allattamento.

Nei primi giorni di settembre ha destato molta partecipazione la notizia diffusa sui social di due cucciolate in precarie condizioni abbandonate a Soliera, e numerose persone si sono interessate per contribuire alle spese sanitarie e di mantenimento degli otto cuccioli. Dobbiamo ricordare che non si tratta di episodi isolati o straordinari, bensì della quotidianità che noi volontari dobbiamo affrontare; 184 cuccioli abbandonati da metà marzo ad agosto sono praticamente un gattino al giorno che entra in Gattile, senza contare gli adulti, le cui possibilità di adozione sono estremamente ridotte. A fronte di tanti abbandoni i gatti adottati sono stati solo 95, di cui 10 riportati in Gattile dopo pochi giorni.

La situazione è veramente insostenibile, sia economicamente che dal punto di vista della gestione, per questo chiediamo ancora una volta il vostro aiuto.

Chi volesse aiutarci a sostenere con una donazione, può effettuare un bonifico sul conto corrente bancario intestato ad A.P.A.C. Associazione Protezione Animali Carpigiana IBAN IT 13 E 02008 23307 000028474292 o con Paypal all’indirizzo gattile@carpidiem.it.

 

 

Aiuta i nostri mici

Noi ce la mettiamo tutta, ma insieme possiamo fare di più!

Accedi a ZOOPLUS dal sito del Gattile, fai i tuoi acquisti, il 4% sarà devoluto da Zooplus al Gattile di Carpi

Fai una donazione ai nostri mici

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *